Tutte

CCIAA PISTOIA-PRATO BANDO DIGITALIZZAZIONE IMPRESA 4.0 E TRANSIZIONE ENERGETICA


Dettaglio del bando


  • Toscana
  • Attivo dal: 01/10/2024
  • Scadenza: 29/10/2024
  • Fondo perduto
  • Tutte

FINALITA' E OBIETTIVI

Il bando intende promuovere l'uso di servizi e soluzioni digitali nelle MPMI e incentivare la transizione energetica delle imprese attraverso efficienza energetica, energie rinnovabili e partecipazione a Comunità Energetiche Rinnovabili.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni le MPMI che, dal momento della presentazione della domanda a quello della liquidazione del contributo:

  • abbiano sede legale nella circoscrizione territoriale della CCIAA di Pistoia-Prato;
  • siano attive e in regola con l'iscrizione al Registro delle Imprese. Non possono beneficiare delle agevolazioni i soggetti iscritti solo al REA;
  • siano in regola con il pagamento del diritto annuale.

AMBITI DI INTERVENTO

Ciascuna impresa può presentare un’unica domanda di contributo per la realizzazione di progetti rientranti in uno solo dei seguenti ambiti di intervento:

  • LINEA A - interventi per l’innovazione digitale - dovranno riguardare l’acquisizione di servizi di consulenza, formazione e/o acquisto di beni strumentali materiali e immateriali, relativi ad almeno una tecnologia dell’Elenco 1, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi, ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste nell’Elenco 1.

Elenco 1:

  1. robotica avanzata e collaborativa;
  2. interfaccia uomo-macchina;
  3. manifattura additiva e stampa 3D;
  4. prototipazione rapida;
  5. internet delle cose e delle macchine;
  6. cloud, fog e quantum computing;
  7. soluzioni di cyber security e business continuity;
  8. big data e analytics;
  9. intelligenza artificiale;
  10. blockchain;
  11. realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D;
  12. simulazione e sistemi cyberfisici;
  13. integrazione verticale e orizzontale;
  14. soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  15. soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc).

Elenco 2 (L’investimento non deve superare il 50% del costo totale del progetto):

  1. sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  2. sistemi fintech;
  3. sistemi EDI, electronic data interchange;
  4. geolocalizzazione;
  5. tecnologie per l’in-store customer experience;
  6. system integration applicata all’automazione dei processi;
  7. tecnologie della Next Production Revolution (NPR);
  8. programmi di digital marketing;
  9. soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica;
  10. connettività a Banda Ultralarga;
  11. sistemi di e-commerce;
  12. soluzioni digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita.
  • LINEA B - interventi per l’efficientamento energetico - dovranno riguardare l’acquisizione di servizi di consulenza e formazione, da parte di figure altamente qualificate e competenti, finalizzati a favorire:
  1. la razionalizzazione dell’uso di energia da parte delle imprese, attraverso la realizzazione di interventi di efficientamento energetico;
  2. sistemi di autoproduzione FER, anche attraverso la partecipazione delle imprese alle CER.

I progetti devono essere già conclusi al momento della presentazione della domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Per la LINEA A - interventi per l’innovazione digitale - sono ammissibili spese per:

  1. servizi di consulenza e/o formazione;
  2. acquisto di beni strumentali materiali e immateriali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’introduzione delle tecnologie previste;

Per la LINEA B - interventi per l’efficientamento energetico - sono ammissibili le spese per i seguenti servizi di consulenza:

  1. audit energetici e piani di miglioramento energetico che valutino la situazione iniziale dell'impresa per identificare e quantificare interventi di efficienza e opportunità di risparmio;
  2. analisi delle forniture di energia per definire un programma di ottimizzazione dei parametri contrattuali in base alle caratteristiche produttive dell'impresa;
  3. progettazione di sistemi di raccolta e di monitoraggio dei dati energetici di base (bollette, contatori, ecc.) e della produzione (consumi, rendimenti, ecc.), anche attraverso l’utilizzo di automazioni con tecnologie 4.0;
  4. implementazione di Sistemi di gestione dell’energia;
  5. studi di fattibilità per progetti di riqualificazione energetica;
  6. studi di fattibilità tecnico-economica finalizzata alla realizzazione di una CER;
  7. attività di formazione finalizzata al conseguimento della qualifica di Energy manager per risorse interne, impiegate stabilmente all’interno dell’impresa.

Le spese devono essere sostenute a partire dal 1° gennaio 2024.

FORNITORI DI BENI E SERVIZI

L'impresa dovrà avvalersi di fornitori qualificati.

FORMA DELL'AGEVOLAZIONE

È previsto un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammesse, con un importo massimo di euro 5.000,00 e un valore minimo dell’investimento ammesso di euro 3.000,00.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le richieste potranno essere presentate dal 01/10/2024 al 29/10/2024.

L e domande verranno accolte secondo una procedura a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda e fino ad esaurimento dei fondi disponibili.