Tutte

CCIAA DELL’ EMILIA - PROMOZIONE DELL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIGITALE


Dettaglio del bando


  • Emilia Romagna
  • Attivo dal: 25/06/2024
  • Scadenza: 10/09/2024
  • Fondo perduto
  • Tutte

FINALITA' E OBIETTIVI

Il bando intende promuovere lo sviluppo e la successiva diffusione della cultura e della pratica digitale per accrescere il livello di digitalizzazione delle MPMI mediante lo sviluppo di iniziative di digitalizzazione dei processi aziendali.

 

SOGGETTI BENEFICIARI E REQUISITI DI AMMISSIBILITA’

Possono beneficiare delle agevolazioni le MPMI, che al momento della presentazione della domanda e fino a quello dell’erogazione del contributo, pena l’esclusione del contributo, abbiano sede legale iscritta e attiva al Registro delle Imprese della circoscrizione territoriale della Camera di Commercio dell’Emilia (Parma, Piacenza, Reggio Emilia).

Non sono ammesse domande da parte di soggetti che alla data di presentazione della domanda nonché a quello della concessione del contributo, abbiano forniture con la Camera di Commercio dell’’Emilia, anche a titolo gratuito.

 

Ai fini dell’erogazione del contributo, al momento della rendicontazione le imprese dovranno inoltre:

  • essere in regola con il pagamento del diritto annuale camerale. In caso contrario, l’impresa è tenuta a regolarizzare tale posizione entro 15 giorni lavorativi e consecutivi dalla richiesta della Camera di Commercio, pena l’esclusione dal contributo;
  • essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi dei dipendenti (D.U.R.C).

Possono presentare un sola domanda le imprese che siano in rapporto di collegamento, controllo e/o con assetti proprietari coincidenti.

 

OBBLIGHI DEI SOGGETTI BENEFICIARI

Coloro che beneficiano del contributo, sono obbligati, pena la decadenza parziale o totale del contributo:

  • a sostenere, nella realizzazione degli interventi, un investimento pari o superiore all’importo minimo richiesto e comunque non inferiore al 70% delle spese ammesse a contributo;
  • a conservare per un periodo di almeno 10 anni dalla data del provvedimento di erogazione del contributo la documentazione attestante le spese sostenute e rendicontate;
  • a segnalare l’eventuale perdita, prima dell’erogazione del contributo, del rating di legalità.

I soggetti beneficiari del contributo sono obbligati a richiedere autorizzazione, motivando adeguatamente, per eventuali variazioni, relative all’intervento o alla natura delle spese indicate nella domanda presentata, prima della effettiva realizzazione delle nuove spese oggetto della variazione.

 

AMBITI DI INTERVENTO

Si intendono finanziare gli interventi di innovazione tecnologica digitale di singole imprese, che potranno realizzarsi attraverso l’acquisizione di servizi di consulenza, formazione e l’acquisto di beni strumentali materiali e immateriali.

Gli interventi finanziabili dal bando devono riguardare almeno una tra le seguenti tecnologie:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose (IoT) e delle macchine;
  • cloud, High Performance Computing - HPC, fog e quantum computing;
  • soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D), tecnologie per l’in-store customer experience;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES,PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi EDI, electronic data interchange.

Sono esclusi quegli interventi per i quali l’impresa è già stata assegnataria di un contributo della Camera di Commercio di Parma o di quella di Reggio Emilia e comunque quegli interventi per i quali verrà richiesto ed ottenuto altro contributo della Camera di Commercio dell’Emilia.

 

SPESE AMMISSIBILI

Le spese devono riguardare interventi realizzati dall’impresa avente sede legale ubicata nella circoscrizione territoriale della CCIAA dell’Emilia.

Dovranno, inoltre, rispettare tali requisiti:

  • pertinenza delle spese rispetto alle attività di progetto;
  • trasparenza (dettaglio dei costi e disponibilità di idonei giustificativi a supporto della rendicontazione).

È possibile sostenere (al netto dell’IVA, imposte, tasse e altri diritti) le seguenti spese:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativamente a una o più tecnologie descritte nel paragrafo precedente. La consulenza deve essere finalizzata a introdurre concretamente la tecnologia in azienda. La formazione non può avere esclusivamente per oggetto le specifiche tecniche dei beni strumentali acquistati. Tali requisiti dovranno essere dimostrati in fase di rendicontazione;
  • acquisto di beni strumentali materiali e immateriali tra cui dispositivi e spese di connessione, funzionali all’introduzione delle tecnologie;
  • licenze d’uso e canoni.

Tutte le spese e i servizi di consulenza e/o formazione dovranno essere sostenuti (attivati, fatturati e pagati) a partire dal 01/05/2024 ed entro il 30/04/2025.

In fase di presentazione della domanda deve essere specificato, pena la non ammissibilità, il riferimento a quali ambiti tecnologici si riferisce la spesa.

 

 

FORMA DELL'AGEVOLAZIONE

È prevista la concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese sostenute, documentate e ammissibili, al netto di IVA, fino ad un massimo di € 10.000,00.

L’investimento minimo finanziabile è pari a € 5.000,00.

È previsto un bonus per le imprese in possesso di rating di legalità in corso di validità, nel limite del 100% delle spese ammissibili.

I contributi saranno erogati con la ritenuta d’acconto del 4%.

 

EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

L’erogazione del contributo avverrà a saldo, in un’unica soluzione, quando saranno ultimate le attività e presentati i documenti per la rendicontazione finale (entro il 30/06/2025).

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le richieste di agevolazioni potranno essere presentate dalle ore 10:00 del 25/06/2024 alle ore 16:00 del 10/09/2024 e verranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande (salvo esaurimento delle risorse disponibili).

 

FAQ

1. Chi può beneficiare delle agevolazioni previste dal bando?

Possono beneficiare delle agevolazioni le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) che hanno sede legale iscritta e attiva al Registro delle Imprese della circoscrizione territoriale della Camera di Commercio dell’Emilia (Parma, Piacenza, Reggio Emilia).

2. Quali sono i requisiti per presentare la domanda di agevolazione?

Al momento della presentazione della domanda e fino all’erogazione del contributo, le MPMI devono essere in regola con il pagamento del diritto annuale camerale e dei contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi dei dipendenti. Devono inoltre avere forniture con la Camera di Commercio dell’Emilia.

3. Quali sono gli ambiti tecnologici finanziabili dal bando?

Gli interventi finanziabili riguardano diverse tecnologie digitali, incluse ma non limitate a: robotica avanzata, internet delle cose (IoT), intelligenza artificiale, blockchain, e-commerce, soluzioni di cyber security, big data e analytics, tra gli altri.

4. Quali sono le spese ammissibili?

Le spese ammissibili includono servizi di consulenza e formazione relativi alle tecnologie indicate, acquisto di beni strumentali materiali e immateriali, licenze d'uso e canoni, purché siano sostenute nell'arco temporale specificato nel bando e rispettino i requisiti di pertinenza e trasparenza.

5. Quali spese sono escluse dal bando?

Sono escluse dal bando diverse categorie di spese, tra cui trasporto, vitto e alloggio, servizi di consulenza specialistica non relativi alla digitalizzazione, spese per il personale dipendente a tempo determinato e indeterminato, e altre elencate nel testo del bando.

6. Chi sono i fornitori di servizi ammessi?

I fornitori di servizi ammessi includono competence center, incubatori certificati, start-up innovative, e altri soggetti specificati nel bando. Per i servizi di consulenza e formazione, è richiesto che i fornitori abbiano realizzato attività per almeno tre clienti diversi nell'ambito delle tecnologie indicate.

7. Qual è l'importo massimo del contributo e come viene erogato?

Il contributo a fondo perduto è pari al 50% delle spese sostenute, fino a un massimo di € 10.000,00. È previsto un bonus per le imprese in possesso di rating di legalità. Il contributo sarà erogato a saldo, in un'unica soluzione, al completamento delle attività e alla presentazione dei documenti per la rendicontazione finale.

8. Qual è il periodo per la presentazione delle domande?

Le domande possono essere presentate mediante una procedura valutativa a sportello, nel periodo specificato nel bando, ossia dalle ore 10 del 25/06/2024 al 10/09/2024 (salvo esaurimento delle risorse disponibili).